Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 45

Belvedere Marittimo

Raggiungibile dalla Strada Statale 18, trae il nome Belvedere dalla posizione panoramica in cui il paese si trova, dalla quale è possibile godere di un'ampia veduta della vicina costa tirrenica. Come molti altri comuni della costa, anche Belvedere Marittimo presenta una parte moderna sviluppatasi nella zona marina e un centro storico arroccato sulle colline verso l'interno. Se la marina di Belvedere è ricca di attività commerciali e turistiche, il centro storico presenta bellezze storico-artistiche di significativa importanza.
La parte antica è dominata dalla mole del Castello. La costruzione, struttura difensiva edificata dai normanni, risente nella forma delle modifiche avvenute nel XV sec. in epoca aragonese, come dimostra lo stemma presente sul portale principale. Oggi il Castello, che nel corso dei secoli venne trasformato da struttura militare in residenza feudale, si presenta poco curato, ma resta ben visibile il mastio, la grande torre cilindrica che presenta merlature e decorazioni in pietra del periodo aragonese.
Tra gli altri edifici di interesse va citata la Torre detta "di Paolo Emilio", facente parte di quel sistema di torri costiere edificate come punti di avvistamento nel periodo delle incursioni saracene.
Belvedere Marittimo conserva un patrimonio artistico religioso di notevole interesse. Sono molte le chiese presenti sul territorio comunale, alcune delle quali veri e propri scrigni d'arte. Il convento di San Daniele venne fondato dai frati cappuccini nel 1595. San Daniele, frate francescano originario di Belvedere e patrono del paese, venne martirizzato nel 1227 insieme ad altri sei frati a Ceuta, in Marocco, dove si erano recati in missione.
La chiesa conventuale è ricca di tele, sculture e altari realizzati tra il Seicento e il Settecento dalle mani di frati artigiani. Tra questi spiccano l'altare maggiore e la statua di San Daniele, mentre il convento è noto anche per la conservazione delle reliquie di San Valentino martire.
La chiesa di Santa Maria del Popolo presenta sul portale d'accesso una scultura in marmo quattrocentesca raffigurante la Madonna col Bambino, all'interno numerose tele e sculture. Tra gli altri edifici religiosi vanno segnalati la chiesa del Rosario, con portale cinquecentesco e interno decorato da altari e tele del '700, la chiesa di Sant'Agostino, ricca di opere legate all'Ordine agostiniano, e la chiesa del Crocefisso che conserva un Cristo del XVII sec. di stile spagnolo.
Di interesse turistico anche il Museo della Memoria, che conserva alcuni reperti rinvenuti in aree archeologiche della zona.
Molte le tradizioni ancora vive nel centro storico, come la festa di Sant'Antonio Abate, della Madonna di Portosalvo e i riti della Settimana Santa.
Nel periodo estivo il calendario di manifestazioni e spettacoli si infittisce molto, richiamando visitatori da tutta la costa. Tra queste manifestazioni è da segnalare il Festival dell'arte pirotecnica, "Note di Fuoco", che si tiene nel mese di luglio.

Da:
Altro in questa categoria: « Bonifati Aieta »

mappa-new

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Cerca hotel

Check-in

Check-out


Cerca su dispositivi mobili

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2017 visitcosenza.it. All Rights Reserved.