Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

In viaggio con Dante

Categoria
Spettacoli
Data
2018-06-11 18:30 - 21:30
Luogo
Sala Convegni - Parco degli Enotri

Articolato in cento episodi di circa dodici minuti l’uno, il film è patrocinato dalla Società “Dante Alighieri” e sarà proiettato, ad iniziativa della sezione cosentina della stessa società, il prossimo 11 giugno al Parco degli Enotri di Mendicino, alle ore 18,30.

“In viaggio con Dante”,  progetto cinematografico di  Lamberto Lambertini , ripercorre integralmente il poema della Divina Commedia, nato dalla volontà di leggere Dante sulle immagini dell’Italia di oggi, dal Nord al Sud, dal Centro alle Isole, nel tentativo di rappresentare un’Italia unita proprio dalla lingua del poeta fiorentino. 
L'evento è promosso dal comitato di Cosenza della Società “Dante Alighieri”, in collaborazione con la Fondazione Carical e con il patrocinio del Comune di Cosenza.
La serata sarà introdotta dalla Presidente del comitato cosentino della “Dante”, Maria Cristina Parise Martirano. Previsti gli interventi di Mario Bozzo, Presidente della Fondazione Carical, di Salvatore Italia, Sovrintendente ai Conti della Società “Dante Alighieri” e dello stesso regista del film Lamberto Lambertini cui si deve l'idea del progetto insieme a Paolo Peluffo. Coordinerà, la giornalista Rosa Cardillo.
“In viaggio con Dante” vede la luce dopo ben sette anni di lavoro con lo scopo di rintracciare ancora, a quasi settecento anni dalla morte del poeta, la polimorfa identità italiana nei versi dell’autore della Commedia.
Paolo Peluffo, ideatore della pellicola insieme a Lambertini, racconta: “Se guardiamo a questi sette anni del nostro viaggio, eccole le tracce di una comunità così antica, ma ancora vivente...segni di un’antica dignità borghese diffusa nelle nostre città, di un benessere distrutto dalla finanziarizzazione del mondo di oggi”.
Secondo le intenzioni del regista, le immagini del mondo moderno hanno il compito di attualizzare Dante “liberandolo dalle consuete muffe”, mentre ai suoi versi spetta il dovere di nobilitare “la volgarità del presente”. È così che in molti mesi di riprese sono state realizzate le tre cantiche, in luoghi diversi, di vita e di lavoro, uno per ogni canto. E in quest’ottica, se il mondo infernale con i suoi dannati ci appare nel mondo che conosciamo, anche Beatrice, nell’ultima cantica, appare nelle vesti di alunne straniere del corso di lingua italiana della Società Dante Alighieri.

Cosenza è presente nel film, con il teatro “Rendano”, il Castello Svevo e con lo Stadio San Vito-Marulla, nelle immagini che accompagnano il XXIV e XXVIII canto dell'Inferno ed il XII canto del Paradiso.

 
 

Altre date

  • 2018-06-11 18:30 - 21:30

Powered by iCagenda

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2018 visitcosenza.it. All Rights Reserved.