Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Mostra personale di Giorgio Caruso, “Omnia”.

Categoria
Mostre
Data
2018-11-24 - 2018-12-28
Sito internet

 

DiffèrArt inaugura la nuova stagione espositiva con una mostra personale di Giorgio Caruso, dal titolo “Omnia”. La mostra presenta un importante numero di opere inedite, realizzate dal 2015 ad oggi, che testimoniano la sua ultima ricerca artistica.
Cos’è l’Universo? Da cosa è composto? C’è vita oltre la nostra? Queste sono le domande a cui l’artista ha cercato di rispondere, sviluppando una serie di ipotesi visive e sensoriali che trovano volto in “Omnia”.
Se l’universo è l’insieme di tutte le cose che esistono: stelle, galassie, pianeti, materia, energia, Omnia può definirsi una maxi installazione che risponde alla domanda sul tutto.


Il presupposto scientifico diventa espediente per una riflessione esistenziale e ontologica più grande, alla quale solo l’artista può rispondere attraverso la poetica dell’Arte, andando oltre la forma stessa. Quella che l’empirista Charles S. Peirce chiama cosmologia evolutiva: l’abitudine dell’universo, o percezione, rientra nella sfera dell’interpretazione. Seguendo un processo circolare ermeneutico, si parte dall’avere un’intuizione, generata dai sensi grazie ai quali si fa esperienza di qualcosa, per poi arrivare alla rappresentazione di quella determinata cosa.


Allo stesso modo, l’artista, indagando sull’origine e la conoscenza del kosmo, pone il chaos al centro della sua riflessione, uno stato di indeterminatezza assoluta, una infinita possibilità, evidenziato dall’uso di una pittura per lo più astratta. Crea immagini che esprimono concetti attraverso la combinazione di forme geometriche pure, colori e linee, dà sfogo a tutta la sua immaginazione e creatività, affidandosi unicamente ai sensi, verrebbe da dire la supremazia del kunstwollen o “volere artistico”.
Dal groviglio di sensazioni si sbroglia questa sorta di empatia, o rapporto panteistico, di confidenza tra l’uomo e i fenomeni del mondo esterno, che è pura rappresentazione concreta e “figurativa” dell’Universo.
Esse est percipi, la realtà si dimostra attraverso un insieme di idee.


La mostra, organizzata da Diffèrart, è a cura di Sandra Leone e Martina Castiglia.

 
 

Altre date

  • Da 2018-11-24 a 2018-12-28

Powered by iCagenda

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2020 visitcosenza.it. All Rights Reserved.