Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Guardia Piemontese

Guardia Piemontese, comune costiero che si affaccia sul Tirreno cosentino, a pochi km da Paola, è diviso tra la zona bassa, detta "marina", e il centro storico, che invece è posto in collina a circa 500 metri sul livello del mare. Incastonata fra la "marina" e il centro storico di Guardia, anche se territorialmente ricadenti nel vicino comune di Acquappesa, si trova l'area delle Terme Luigiane, ricca di acque sulfuree e immersa nel verde, in una suggestiva cornice rocciosa.
Guardia Piemontese è nota come sede di una delle minoranze linguistiche presenti nella provincia di Cosenza, quella occitana.
A Guardia, che nella lingua occitana è chiamata "la Gàrdia", si stanziarono infatti intorno al 1200 alcune comunità di esuli piemontesi, venuti dalle valli Pellice e Angrogna, di religione valdese, in fuga dalle persecuzioni di cui erano oggetto nelle loro terre. I valdesi di Guardia mantennero i loro riti religiosi fino al XVI sec., quando, dopo aver aderito alla Riforma protestante, furono oggetto di persecuzione anche in Calabria. Restò viva invece la cultura occitana giunta con i primi valdesi dal Piemonte per cui Guardia è oggi una delle isole etniche più interessanti dell'Italia meridionale, conservando i suoi abitanti non solo il dialetto provenzale, ma anche i costumi originali, fedelissimi alla tradizione.
La parte costiera del territorio comunale si è sviluppata soprattutto negli ultimi decenni grazie al turismo marittimo e al richiamo delle Terme Luigiane; sulle sue spiagge domina l'imponente mole dello Scoglio della Regina. Una visita merita poi senz'altro il centro storico, ben conservato e ricco di memorie. Uno degli antichi accessi all'abitato è oggi chiamato "Porta del Sangue", in ricordo del terribile eccidio avvenuto nel 1561, nel quadro delle persecuzioni religiose dell'epoca. Da visitare il Museo multimediale occitanico. Da vedere anche la chiesa parrocchiale dedicata a Sant'Andrea, che mantiene caratteristiche del XVII secolo benché abbia subito numerosi rimaneggiamenti. Interessante la seicentesca chiesa del Rosario, un tempo collegata ad un convento fondato dai domenicani, in cui possono ammirarsi le opere delle cappelle laterali e la tomba gentilizia del figlio di uno dei marchesi di Fuscaldo. Interessanti anche le architetture civili, come i pochi resti del Palazzo Spinelli, la Torre di Guardia, la Porta Carruggio, che faceva parte dell'antica cinta muraria di Guardia. Incantevole il panorama che abbraccia tutta la costa sottostante.
Fra gli eventi da segnalare, la Settimana Occitana organizzata ad agosto dall'amministrazione comunale di Guardia Piemontese e dall'Assessorato alle minoranze linguistiche della Provincia di Cosenza con conferenze e spettacoli per far rivivere questi importanti valori culturali. Alle Terme Luigiane, sempre in agosto, si svolge un programma di spettacoli teatrali e musicali nell'area termale.

Da:
Altro in questa categoria: « Lago Fuscaldo »

mappa-new

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Cerca hotel

Check-in

Check-out


Cerca su dispositivi mobili

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2017 visitcosenza.it. All Rights Reserved.