Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 45

Luzzi

Popoloso e ricco di storia, Luzzi si trova dolcemente adagiato sul versante destro della Valle di Crati, è attraversato da due torrenti Ilice e San Francesco, affluenti del Crati. Il comune si trova a circa 375 metri sul livello del mare. Il centro storico mantiene inalterato il fascino degli antichi borghi con molte chiese e diversi palazzi, che rappresentano una forte testimonianza dell'arte romanica e gotica meridionale. Una visita a Luzzi potrebbe partire dall'Abbazia cistercense della Sambucina, che si trova a circa 15 Km dal centro abitato. Costruita intorno alla metà del XII secolo sulle strutture di un'antica abbazia benedettina, diventando, in quel tempo, casa madre di altre abbazie cistercensi del Mezzogiorno. Famosa per avere ospitato anche Gioacchino da Fiore, subì numerosi rimaneggiamenti nel corso dei secoli, a partire già dal terribile terremoto del 1184. Di grande bellezza il portale e il campanile che custodisce anche una campana di fine Cinquecento. Nel centro storico sicuramente da visitare l'antichissima Chiesa di Sant'Angelo, risalente forse a prima dell'anno Mille e la Chiesa di Sant'Antonio, fondata insieme all'annesso convento dei Cappuccini nel 1600. All'interno si possono ammirare pregevoli opere d'arte del Sei-Settecento. Oggi il convento è adibito a casa famiglia. Interessanti anche la chiesa di Santa Maria, definita "arcipetrale-parrocchia della Natività", eretta intorno all'anno Mille e con importante testimonianza della pittura barocca meridionale nel suo interno e la Chiesa dell'Immacolata nella parte alta del paese, esistente già nel Seicento e che, secondo la tradizione, sarebbe stata edificata su un preesistente tempietto pagano. La Chiesa di San Michele Arcangelo è documentata già intorno al 1300 e, all'esterno, sono visibili ancora le tracce di architetture tardo romaniche. In una stretta vallata si trova anche la chiesa della Madonna della Cava che, secondo una leggenda, sarebbe stata edificata in seguito a un'apparizione mariana a una pastorella sul finire del XVI secolo. La Chiesa di San Giuseppe, oggi uno dei più interessanti esempi di arte barocca della zona, fu eretta nel 1476 per generosità del principe Sanseverino, accanto alla loro dimora, il palazzo Vivacqua, oggi sede del Comune. A metà Settecento, il principe Firrao, signore del posto,vi conservò le reliquie di Sant'Aurelia. Sulla strada per la Sila è posta anche la seicentesca chiesa di San Francesco di Paola e annesso convento. Il costume tipico di Luzzi è la "pacchiana", realizzato in seta e velluto. Particolarmente diffusa la coltivazione di viti e ulivi, si produce il vino d.o.c. San Vito di Luzzi.

Da:
Altro in questa categoria: « Bisignano Acri »

mappa-new

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Cerca hotel

Check-in

Check-out


Cerca su dispositivi mobili

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2017 visitcosenza.it. All Rights Reserved.