Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Parco Nazionale della Sila

Il Parco Nazionale della Sila è il terzo per ordine cronologico ad essere stato fondato in Calabria dopo il Parco Nazionale del Pollino ed il Parco Nazionale dell'Aspromonte. Sito nel cuore della Sila si estende per circa settantacinquemila ettari, assumendo una forma allungata nord-sud. La sede del parco si trova a Lorica, mentre il perimetro coinvolge territorialmente tre delle cinque province calabresi, la Provincia di Catanzaro, la Provincia di Cosenza e la Provincia di Crotone.
Un patrimonio naturale e paesaggistico dove la diversità dei paesaggi, la varietà di specie animali e vegetali e la bellezza dei luoghi, ha reso opportuna la costituzione del Parco Nazionale della Sila che ne tutela i tesori, e lo vede attualmente candidato al programma "Uomo e Biosfera" dell'Unesco.
L'accoglienza tipica dei cittadini, i paesini caratteristici, l'opportunità di praticare numerosi sport outdoor, tanto d'inverno quanto d'estate, fanno del Parco un luogo dove ogni momento dell'anno è giusto per ammirare e godere lo splendido territorio di questa terra dalle mille risorse.
L'area del Parco Nazionale della Sila, conserva un aspetto selvaggio e incontaminato, che tante persone ancora non conoscono, e rendono questi luoghi di una bellezza disarmante e per fortuna ancora poco frequentati, in cui trovano il loro habitat naturale molte specie di animali, come il lupo e il cervo.
Sarà obbligatorio fare una tappa ad Acri, anche detta la "porta della Sila", perché situata ai piedi dell'altopiano, che ospita le rovine di un castello feudale ed il MACA – Museo d'Arte Comtemporanea di Acri; a San Giovanni in Fiore, la cittadina più popolosa della Sila, luogo natio di Gioacchino da Fiore, con la Abbazia Florense e la Chiesa di Santa Maria delle Grazie; a Camigliatello Silano, unico centro turistico invernale; a Pedace, con Lorica, sua principale località turistica, e il Lago Arvo, uno degli luoghi più incantevoli della provincia. Al centro del Parco vanno segnalati altri paesini in zone ancora più incontaminate, come Longobucco, Bocchigliero e Campana dove il tempo sembra essersi fermato, e le tradizioni sono vive e quotidiane.

VisitCosenza-Parco-Nazionale-Sila-Camigliatello-sm  VisitCosenza-Centro-Cupone-Lupo-sm  VisitCosenza-CarloMagno-Silvana-Mansio-sm

Per chi ama il movimento sono tante le attività che si possono fare durante la bella stagione ed in autunno, come le escursioni di trekking o in mountain bike tra i boschi della Sila, "il polmone verde della Calabria", perfette anche per tappe più lunghe. Possono praticarsi attività di orienteering e, vista la presenza di molti rapaci, fra cui il nibbio reale, il biancone e il gufo reale, di birdwatching.

Ma può bastare anche una semplice passeggiata tra i boschi, pieni di conifere, simbolo del territorio, con il pino laricio, il faggio, l'abete bianco e la splendida riserva naturale dei Giganti di Fallistro. Durante le escursioni si possono raccogliere funghi (pregiati come i porcini), castagne e frutti di bosco.

VisitCosenza-Monte-Curcio-Botte-Donato-sm  VisitCosenza-Lago-Cecita-Fauna-Cavalli-sm  VisitCosenza-Monte-Botte-Donato-Lorica-sm

Nelle località di Camigliatello, Monte Scuro e Lorica si possono noleggiare moutain bike, ed a Croce di Magara prendere a maneggio dei cavalli e avventurarsi tra i tanti sentieri immersi nella natura.
Per chi volesse approfittare del lago per fare qualche sport, sull' Arvo si può praticare canottaggio, windsurf, kite surf e pesca sportiva, ma anche noleggiare canoe, pedalò o farsi portare al centro del lago da un battello per godere di un paesaggio mozzafiato a trecentosessanta gradi.
Da non perdere assolutamente i paesaggi invernali, con due ciaspole sotto i piedi o attraversando con gli sci di fondo la via delle Vette, che unisce Monte Scuro con Monte Botte Donato, da cui si può osservare il mare Jonio e girando lo sguardo di 180 gradi il Tirreno, attraversando le vette dell'Aspromonte, il vulcano dell'Etna e le Isole Eolie.
Da non perdersi a tavola: la "mpanata" (zuppa fatta con ricotta, siero di latte ancora caldo e pezzi di pane duro), il Caciocavallo Silano DOP, i funghi porcini, il formaggio di podolica (razza tipica del'altopiano), le castagne, le patate in tutte le "salse" (pasta fatta in casa, patate 'mpacchiuse, patate al forno), carni bovine locali, formaggi freschi e stagionati.

Da:
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Cerca hotel

Check-in

Check-out


Cerca su dispositivi mobili

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2017 visitcosenza.it. All Rights Reserved.