Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 45

Mendicino

Popoloso centro situato nell'area collinare vicina al capoluogo Cosenza, è oggi prevalentemente zona residenziale, come molti dei comuni ubicati vicino al centro cittadino.
Dalla frazione Rizzuto in poco tempo si giunge al bivio di Croce Coperta, alle falde del Monte Cocuzzo: suggestivo il percorso che si apre lasciandosi alle spalle l'ulivo e la vite per addentrarsi nei castagneti, quindi le pinete per poi incontrare il faggio. Giungendo alla cima del Monte Cocuzzo, nelle giornate serene, è possibile vedere lo Stromboli e l'Etna, la Sila ed il Pollino, e in basso, da una parte il mare, dall'altra la Valle del Crati.
Il Santuario di Santa Maria Assunta sito nell'omonima frazione nella parte alta, ha un frontale goticheggiante con colore tipico della pietra di Mendicino: sopra il portale spicca un mosaico policromo raffigurante il Cristo Pantocratore. Al centro del paese, si erge la chiesa parrocchiale dedicata a San Nicola mentre nella parte bassa si trova la Chiesa di San Pietro. Tra le opere d'arte che vi si possono ammirare, notevoli gli affreschi posti nel vano absidale, opera di Lucillo Grassi e la Madonna del Rosario del Pascaletti. Nel centro storico del paese si erge il Palazzo Campagna che fu centro di cultura nell'Ottocento per la presenza del poeta Giuseppe Campagna.
Molto controverse sono le origini del paese, comunque antichissimo: come per altri di questa area, si ipotizza che fosse l'originaria sede della mitica Pandosia, ipotesi dovuta ad alcuni toponimi quali il nome della contrada Pantusa e il torrente Caronte, che riporta al fiume Acheronte posto vicino alla città scomparsa e divenuto famoso perché presso le sue sponde vi trovò la morte Alessandro il Molosso, re dell'Epiro.
Nell'Ottocento, Mendicino fu uno dei più importanti centri di produzione della seta in Calabria: nel centro storico sono state recuperate due tra le più importanti antiche filande: all'interno della Filanda Gaudio, ha sede il Museo storico multimediale della seta dove sono custoditi documenti e attrezzature per la lavorazione della seta, fino al secolo scorso diffusa in tutta la Calabria.

Centro-storico-Mendicino-sm  Cima-Monte-Cocuzzo-sm  Filande-Mendicino-sm

Da:
Altro in questa categoria: « Cerisano Carolei »

mappa-new

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Cerca hotel

Check-in

Check-out


Cerca su dispositivi mobili

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2017 visitcosenza.it. All Rights Reserved.