Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Catena Costiera Paolana

Monte-Cocuzzo-sunset-Catena-Costiera-CosentinaParallelamente alla linea del litorale tirrenico calabrese corrono le estreme e strette dorsali della catena appenninica, che qui prendono il nome di Catena Costiera Cosentina o Paolana. Questa sorta di corridoio geografico, che si sviluppa da Passo dello Scalone a Nord - Nord ovest alla Foce del Savuto a Sud - Sud est è lungo circa 70 chilometri. I dolci rilievi della Catena Costiera sono macchiati da grandi e belle faggete tra le più selvagge della Calabria.

L'estrema vicinanza al mar Tirreno, che spesso crea la presenza di nebbie persistenti in alcuni periodo dell'anno, favorisce un clima fresco in grado di garantire una vegetazione di montagna a quote decisamente basse. Il versante più umido, che si affaccia direttamente sul mare, fin dai 500 metri ha le prime faggete.

Il monte Caloria è un'area di notevole importanza ecosistemica, corridoio ecologico naturale di interconnessione tra il Pollino e la Sila, in cui il sistema dei laghi naturali ne rappresentano un'unicità per tutta la Calabria. I laghi Trifoglietti e dei Due Uomini sono ancora abitati dal tritone alpestre, assoluta rarità, presente in Europa centrale ed in Italia soltanto nell'arco alpino e sull'appenino ligure e toscano.

Nell'entroterra di Fiumefreddo Bruzio ed Amantea il paesaggio cambia completamente, le cime dei monti non si presentano più arrotondate, bensì ricche di frastagli rocciosi, le pendici non sono più ricoperte da boschi fitti e ininterrotti ma da formazioni rade costellate di praterie e disseminate di massi. Questi rilievi ricordano sotto molti aspetti i Monti di Orsomarso, ma sono solo un'isola all'interno di un regno immacolato di foreste.

Questo è il trono di monte Cocuzzo (1.541 m) - o Papogna - cima maggiore della Catena Costiera Tirrenica, caratterizzato da profonde doline dove dominano i calcari dolomitici con un evidente carsismo superficiale, è tra i più incantevoli belvederi della Calabria. Da questa cima si domina la maggior parte della costa tirrenica, dal Cilento fino a Capo Vaticano, le Isole Eolie, l'Etna, i monti dell'Orsomarso, il massiccio del Pollino, la valle del Crati con Cosenza, le vette della Sila, la catena delle Serre calabresi, l'entroterra di Vibo Valentia e l'Aspromonte.

Monte-Caloria-Tritone-Alpestre  cocuzzo-small  Monti-Calabria-Caloria-Orsomarso-Cocuzzo  Loc-Scaglioni-Cocuzzo-sm

 

Per info su come arrivare, escursioni, accessi alle montagne e qualsiasi maggiore informazione scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiama al 342.0380211

Da:

mappa-new

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Cerca hotel

Check-in

Check-out


Cerca su dispositivi mobili

Newsletter

Assicurati di non perdere le nostre novità iscrivendoti alla Newsletter di visitcosenza.it
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Contattaci

Inviaci una mail o contattaci sulla nostra Info line

  • Info line: +39 342 0591020

Crediti - Note legali

Connettiti con noi

Seguici! Siamo sui principali Social Network.
       
©2017 visitcosenza.it. All Rights Reserved.